Published on 24 October 2016

“Divulgare le Neuroscienze”
1a edizione
Palazzo Greppi, Sala Napoleonica, Università di Milano

Il 17-18 Ottobre 2016 si è svolta a Milano, presso la sala Napoleonica di Palazzo Greppi,la Scuola Italiana di Neuroscienze organizzata dalla Società Italiana di Neuroscienze (SINS) in collaborazione con la Fondazione Antonio Ruberti. La scuola, alla sua prima edizione, è stata dedicata al tema “Divulgazione delle neuroscienze e ha visto la partecipazione di 13 ricercatori italiani che si sono confrontati con autorevoli giornalisti italiani impegnati nella divulgazione scientifice. L’apertura dei lavori ha visto gli interventi del Professor Fiorenzo Conti, Presidente della SINS e promotore dell’iniziativa, e del Prof. Gilberto Corbellini, Professore ordinario di storia della medicina e docente di bioetica presso Università di Roma La Sapienza, che hanno illustrato i principali obiettivi della Scuola ed hanno introdotto la presentazione della Prof. Micaela Matteoli, direttore del CNR, che ha discusso i risultati dei suoi recenti studi sulla relazione esistente tra infezione/infiammazione e sviluppo di patologie cerebrali, come l’epilessia e le malattie neurodegenerative.

Principale obiettivo della Scuola è stato quello di fare conoscere ai 13 ricercatori intervenuti e provenienti da alcuni dei più prestigiosi laboratori italiani che svolgono attività di ricerca nell’ambito delle Neuroscienze il mondo del giornalismo scientifico e le modalità di comunicazione con i media e il pubblico dei “non addetti ai lavori”. Le attività della Scuola si sono articolate in brevi seminari teorici tenuti dai giornalisti Nicola Nosengo, Chiara Saviane, Pino Donghi e Giovanni Carrada ed in attività pratiche svolte da ciascuno dei ricercatori partecipanti. Partendo dalla presentazione della Professoressa Matteoli, i giornalisti hanno illustrato ai discenti come strutturare un Comunicato stampa per pubblicizzare un risultato scientifico e come scrivere un Articolo Scientifico di taglio divulgativo sui risultati delle proprie ricerche, evidenziando gli errori più comuni e sottolineando le strategie comunicative vincenti. Gli stessi giornalisti hanno chiesto poi ai discenti di scrivere di proprio pugno un Comunicato stampa ed un articolo scientifico che avessero come oggetto i risultati presentati dalla prof. Matteoli. I documenti sono stati poi discussi pubblicamente. In una fase successiva è stato chiesto ai discenti di presentare le proprie attività di ricerca facendo risaltare nella presentazione quegli aspetti che rendono la ricerca d’interesse non solo per la comunità scientifica ma anche per un pubblico meno tecnico. Il dibattito che si è generato è stato attivo, stimolante e produttivo per tutti gli intervenuti.

I partecipanti saranno ora chiamati ad esprimere una valutazione della Scuola, valutazione che verrà poi discussa in Consiglio Direttivo e portata all’Assemblea dei Soci.